Bruxismo e disordini temporomandibolari

Disordini temporomandibolari


Disordini temporomandibolari

I disordini temporomandibolari (DTM) sono patologie muscolo-scheletriche a carico dell'articolazione temporomandibolare (ATM) e/o dei muscoli masticatori. Tali disordini rappresentano oggi la principale causa di dolore facciale di natura non-odontogena (non causato dai denti). Tra i sintomi maggiormente riportati dai pazienti con disordini temporo-mandibolari vi sono rumori articolari quali click e/o crepitio durante i movimenti della mandibola, dolore localizzato ai muscoli della faccia e/o in zona preauricolare e anomalie di mobilità. In alcuni casi possono inoltre associarsi altri sintomi quali cefalea, nevralgie e difficoltà nell'aprire la bocca. Oggi, si ritiene che i disordini temporo-mandibolari siano una patologia "artrosica" da sovraccarico, contraddistinta da un'eziopatogenesi multifattoriale, nella quale il bruxsimo e la tensione emotiva costituiscono 2 tra i principali fattori causali. Ne consegue che l'approccio diagnostico e terapeutico dovrà essere di carattere multidisciplinare; l'obiettivo primario è infatti una corretta gestione del paziente basata su trattamenti di tipo conservativo e quanto più reversibili tra cui ricordiamo la terapia cognitivo-comportamentale, l'utilizzo di devices occlusali (bite), fisioterapia, farmacoterapia e artocentesi qualora dovesse rendersi necessario.

Bruxismo


Bruxismo digrignamento

Il Bruxsimo, definito oggi "Epidemia silente", negli ultimi anni ha mostrato un notevole aumento della sua incidenza sia per quanto riguarda il sesso maschile che il femminile. Tale disturbo si può manifestare sia in soggetti adulti che in bambini, durante il sonno e durante la veglia. Il comune e conosciuto "digrignare i denti" non rappresenta il bruxismo in toto, in quanto possono essere presenti altre manifestazioni come il serramento dentale, il serramento mandibolare e il contatto dentale. Il bruxismo è considerato una delle principali cause di tensione dei muscoli masticatori che, come sopra riportato, possono condurre alla comparsa di dolore. Così come i muscoli, anche le articolazioni tempo-mandibolari possono essere coinvolte e come conseguenza vi può essere una limitazione nei movimenti, la presenza di rumori, come il click, e dolore. Intercettarlo precocemente significa quindi salvaguardare la salute dei muscoli masticatori, delle articolazioni temoporo-mandibolari e dei denti. Il percorso diagnostico e terapeutico dovrà quindi essere personalizzato per ogni paziente e necessità spesso di un inquadramento multidisciplinare.

La dr.ssa Colonna ha oggi il piacere di poter collaborare in progetti di ricerca con il GSID (Gruppo di Studio Italiano Disordini Craniomandibolari) guidato da uno dei massimi esperti internazionali in materia, il Prof. Daniele Manfredini, potendo così accrescere passione e competenze in questo ambito.

Contattaci telefonicamente o
scrivici su WhatsApp al
+39 0431.510101